Si è svolto ieri, giovedì 21 novembre 2019, presso il Centro Polifunzionale “Cascina San Giovanni in via Martiri della Libertà, 12 a Moretta (CN), il convegno, organizzato da Inalpi, “Sostenibilità e benessere in allevamento: come procedere per rispondere al cambiamento?”.

Il convegno, che ha visto la partecipazione di oltre 200 conferitori e addetti ai lavori della filiera del latte 100% piemontese Inalpi, è stato caratterizzato da rilevanti interventi del mondo universitario, scientifico ed associativo.

L’incontro è stato un importante momento di confronto e riflessione, inserito all’interno del progetto regionale TECH4MILK, di cui Inalpi è capofila, e che rappresenta più del 50% del latte lavorato in Piemonte, coinvolgendo aziende private, enti e l’Università degli Studi di Torino e Milano.

Un’occasione quindi per tracciare un percorso attraverso il quale individuare riscontri concreti e innovativi per tutti gli attori che operano e lavorano nella filiera, tenendo conto delle richieste di un consumatore informato che compie scelte specifiche sul cibo che porta in tavola.

Un convegno che si è svolto in un momento di crescita per la filiera del latte 100% piemontese, con un incremento di richieste sia sul territorio nazionale che europeo, ma anche a livello mondiale con particolare rilievo da parte dell’area asiatica. Un momento nel quale è necessario lavorare con occhio ancora più attento alla qualità del prodotto, accompagnando quindi l’aumento della richiesta con una sempre maggiore efficienza del sistema produttivo, destinato a diventare ancora più sostenibile nel rispetto dell’ambiente e del benessere animale.

Continua quindi l’impegno di Inalpi per offrire agli allevatori e al mondo della filiera corta e certificata del latte 100% piemontese, formazione e informazione. Una strada aperta da tempo, per proseguire il cammino fatto di trasparenza, collaborazione e qualità del prodotto fulcro di tutto: il latte.