5 consigli per friggere bene

Burro, Prodotti, Ricette del blog

Sembra facile, eppure friggere bene richiede alcune accortezze. Sai quali sono? Ti diamo 5 indicazioni per un fritto croccante e asciutto in ogni occasione.

 

 

Friggere sì o friggere no?

La questione è sempre molto dibattuta, ma la giusta misura funziona anche in questo caso. L’importante è che la frittura sia fatta a regola d’arte perché, solo in questo modo, il grasso creerà rapidamente un involucro intorno all’alimento proteggendolo e tutelando le sue proprietà nutritive.

 

 

Allora quali sono i segreti per un fritto perfetto?

 

Abbiamo individuato 5 punti che possono aiutarti a fare la differenza sulle tue fritture.

 

5 consigli per friggere bene

1. I grassi

Non è più un segreto che per friggere bene è importante usare un grasso che non bruci a basse temperature. In gergo più tecnico: è fondamentale utilizzare un grasso che abbia un punto di fumo alto.

Cosa vuol dire?

Significa che, scaldandolo, il grasso utilizzato per la frittura non brucerà e non farà fumo a basse temperature.

 

Questo è fondamentale per la nostra salute perché, se il grasso brucia, diventa tossico per l’organismo.

Allora quale grasso scegliere?

Ecco una tabella che indica il punto di fumo dei grassi più diffusi nelle nostre cucine:

  • Olio extravergine di oliva: 210 °C
  • Olio di semi di arachide: 230 °C
  • Olio di semi di girasole: 225 °C
  • Burro: 130 °C
  • Burro chiarificato: 250 °C

Perché questa differenza di temperature tra il burro e il burro chiarificato?

Ciò che fa la differenza è la presenza dell’acqua e della caseina nel primo: il burro tradizionale, a causa di questi due elementi brucerà più facilmente.

Il burro chiarificato, composto dal 99,9% di grasso, resiste invece alle alte temperature.

Possiamo quindi dire che il burro è ottimo per essere utilizzato a crudo o per mantecare regalando un sapore unico al piatto, mentre per friggere o per preparazioni di soffritti, scaloppe o altri usi a caldo è preferibile scegliere il burro chiarificato.

 

Tornando alla frittura, ricordate che un uso prolungato porta al degrado di qualunque grasso ed è questo il motivo per cui va cambiato spesso nelle fritture.

2. Quanto olio?

Friggere vuol dire cuocere immergendo l’alimento completamente nel grasso, quindi per friggere bene è fondamentale che il livello dell’olio (anche il burro chiarificato fuso viene chiamato olio) deve essere fondo.

Immergendo il cibo nell’olio bollente si creerà immediatamente un guscio intorno all’alimento che ne preserverà l’interno evitando che asciughi e tutelando le proprietà nutritive.

 

3. Il controllo della temperatura

Per friggere bene è necessario controllare la temperatura dell’olio in modo che rimanga alta al punto giusto.

Prima di immergere gli alimenti l’olio dovrà essere ben caldo e, quando andrete a immergere il cibo dovrete fare in modo che la temperatura non si abbassi troppo. Come fare?

Iniziate misurando la temperatura dell’olio con un termometro oppure, se non ne avete in casa, immergete un mestolo di legno: se l’olio sfrigola allora è pronto per la frittura.

 

Per evitare che, immergendo i cibi, la temperatura si abbassi troppo, portate gli alimenti da friggere a temperatura ambiente e immergetene solo pochi pezzi per volta.

 

Ricordate infine che la temperatura dell’olio deve essere modulata in funzione di ciò che andrete a friggere: evitate alimenti molto grandi e calcolate il tempo di cottura in funzione di quanto tempo impiegherà l’alimento per cuocere bene fino al cuore. Mangereste una frittella cruda all’interno?

 

 

4. La scelta della padella

Per alimenti sottili come pesciolini o cotolette potete scegliere una padella bassa, altrimenti è meglio utilizzare una padella alta.

Preferite padelle o pentole di ferro che mantengono la temperatura in modo uniforme.

 

5. Dopo la frittura

 

Una volta pronta la frittura è necessario continuare a prestare alcune attenzioni.

Scolate bene i cibi su carta assorbente e solo ora condite con il sale. Il sale può far fuoriuscire l’acqua dagli alimenti rischiando di asciugarne il cuore e rendendo la frittura più difficoltosa.

Quando pronti, non coprite gli alimenti altrimenti il guscio croccante si trasformerà in una guaina molle e umida.

 

 

Voi utilizzate altri trucchi durante la frittura?

 

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

FACCIA A FACCIA CON LA FILIERA: VANESSA ROSSI

FACCIA A FACCIA CON LA FILIERA: VANESSA ROSSI

Al terzo appuntamento con i protagonisti della nostra filiera corta e certificata del latte, abbiamo incontriamo Vanessa Rossi, dell'azienda Passione Holstein a Caraglio, in provincia di Cuneo. Abbiamo voluto parlare con lei del mondo dell'agricoltura per capire...

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

Abbiamo incontrato Marco Sarvia per fare qualche domanda e parlare degli allevatori che lavorano ogni giorno nella filiera corta e certificata del latte. Marco rappresenta la seconda generazione nella sua famiglia che ha scelto la professione di allevatore...

Yogurt normale, greco o kefir?

Yogurt normale, greco o kefir?

Tra gli scaffali dei supermercati gli yogurt abbondano per varietà e sapori, cosicché spesso potremmo chiederci "Qual è il miglior tipo di yogurt?". Ciascuno di noi ha, in effetti, l'imbarazzo della scelta. Li selezionate per gusto? Per consistenza? Fate sicuramente...

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop