Costruire una filiera

9 Dicembre 2019 | Filiera

Come costruire una filiera? Stringere accordi tra aziende, fatte di persone che condividono gli stessi valori. Vi raccontiamo come nasce la nostra filiera.

 

Albertengo

 

Oggi parliamo di come costruire una filiera, per dare informazioni e garanzie sui prodotti ai consumatori che, per fortuna, sono sempre più consapevoli e interessati.

Le azioni e le intenzioni di un’azienda, sono l’espressione dei valori dell’azienda stessa: sostenibilità ambientale, sicurezza, gusto e trasparenza.

Per costruire una filiera bisogna stringere accordi tra aziende, fatte di persone, che quasi per forza, devono condividere gli stessi valori.
Le relazioni tra aziende non sono così diverse dalle relazioni tra persone: sono fatte di passione, di fiducia e complicità, ma anche di difficoltà e d’impegno quotidiano, di volontà nell’affrontare insieme anche le difficoltà.
Se pensiamo al passato ci rendiamo conto che le filiere di cui oggi parliamo nascevano organicamente anzi, quasi forzatamente, per questioni di vicinanza esattamente come i matrimoni di una volta: la vicinanza e la conoscenza diretta, portavano alla collaborazione.
Un panificio doveva per forza recuperare la farina dal mulino vicino esattamente come per un caseificio che raccoglieva il latte dal territorio circostante.
L’innovazione del secolo scorso ha ridotto qualsiasi tipo di distanza e favorito una totale trasformazione del mercato, ma anche della produzione.
Trasformazione che a volte ha creato valore (vedi la capacità italiana di fare prodotti meravigliosi come il caffè e il cioccolato, che hanno origine da ben altre parti del mondo), ma in alcuni casi ci ha fatto perdere di vista cose fondamentali.
Oggi per fortuna ci rendiamo ben conto di alcuni aspetti importanti e necessari come, per esempio, impattare meno sull’ambiente dove possibile.
Albertengo1

I panettoni di Albertengo e il burro Inalpi

Queste sono le riflessioni nate da una visita all’azienda Albertengo, meraviglia italiana della produzione di panettoni e altri prodotti da forno, con una storia lunga cinque generazioni, a soli due chilometri dal nostro stabilimento e che usa molto del nostro burro (di filiera certificata e garantita).
Una realtà che, in questo periodo dell’anno, sforna ogni giorno ben 50 quintali di panettoni.
Potrebbe essere ovvio, ma oggi non lo è.
Guardare al futuro, a volte, può voler dire fare tesoro del passato.
Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

Quando un latte può dirsi di “Alta Qualità”’? 

Quando un latte può dirsi di “Alta Qualità”’? 

Il latte crudo, senza trattamenti di nessun tipo, è un ottimo alimento anche per i microrganismi, compresi alcuni potenzialmente nocivi. La pastorizzazione serve proprio a eliminare i potenziali patogeni dal latte, tramite un riscaldamento con temperature e tempi...

Ricette estive per grandi e piccini

Ricette estive per grandi e piccini

L'estate è quasi arrivata, le scuole stanno chiudendo, le temperature si sono alzate e mettersi ai fornelli, non è il primo dei nostri pensieri, ma c'è un po' più di tempo per coinvolgere i bambini in cucina, che in fondo, per quanto possano essere occupati in...

Sfogliatelle con zucchine e Fettalpine

Sfogliatelle con zucchine e Fettalpine

Ingredienti per 4 persone: un rotolo di pasta sfoglia 2 zucchine circa 300 g 4 Fettalpine Inalpi sale e pepe olio extravergine d'oliva grattugiato italiano senza lisozima qb Latte per spennellare e semi di sesamo per decorare Procedimento: Srotolate la pasta sfoglia...

prezzo del latte

LE NEWS AZIENDALI

Tutte le news dal mondo Inalpi: comunicati stampa, notizie, bilanci sociali e rassegna stampa

Il latte 100% piemontese che ogni giorno raccogliamo è di altissima qualità: sano, buono e autentico.

0
    0
    Il tuo carrello
    Il carrello è vuotoTorna al negozio