Intervista al Gelatiere Alberto Marchetti

Storie di latte

“Quello che serve, niente di più”: la filosofia del Gelatiere Alberto Marchetti spiegata in questa speciale intervista.

“Quello che serve, niente di più”

Il tuo pensiero sul gelato è interessante e decisamente attuale, puoi raccontarci meglio?

Tre aggettivi per descrivervi il mio approccio al gelato: Fresco, Semplice, Buono.

Fresco perché viene lavorato e mantecato ogni giorno nei nostri laboratori a vista; Semplice perché non aggiungo niente di più. Scelgo le materie prime con una cura maniacale e personalmente girando per l’Italia e attingendo da Slow Food.

Buono perché la bontà sta, appunto nello scegliere ingredienti di alta qualità.

La tua è una storia familiare, sei cresciuto appunto in una gelateria, c’è un momento preciso in cui è nata la tua passione?

La prima volta che ho affondato la paletta nel mantecatore e ho riempito la mia prima coppetta strabordante di gelato fresco.

Quali sono, se ci sono, le differenze tra il lavoro della generazione di tuo padre e la tua?

Il mondo del gelato è cambiato. Prima del 2000 non c’era un’attenzione maniacale alle materie prime, si facevano gusti artificiali, senza averne troppa consapevolezza. Quello che ci distingue da allora è la scelta di produrre con ingredienti di qualità.

In questo periodo difficile, come avete reagito voi e la vostra clientela, durante la chiusura?

Abbiamo trasformato modi e canali di comunicazione. Abbiamo investito nel delivery, coccolato la nostra community con sorprese settimanali, creato eventi digitali e fatto squadra con altri artigiani, con cui condividiamo gli stessi valori.

Come può un cliente che entra in gelateria, comprendere la qualità del gelato?

In gelateria è sempre obbligatorio esporre al cliente la lista degli ingredienti: se è ben esposta, è un dato positivo ed è spesso motivo d’orgoglio per l’artigiano che gradirà anche qualche domanda da parte del cliente desideroso di approfondire.

Qual è il tuo gusto preferito?

Nocciola e gianduja

Il Gusto dell’estate 2021?

“Latte Espresso” un gelato buonissimo al caffè con il latte in polvere Inalpi che spero verrete ad assaggiare!

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

L’aperitivo diventa wow con i nostri Happy Cheerse, gustosi triangolini di formaggio al tartufo, erbe mediterranee, Gorgonzola e pepe nero, da gustare e assaporare lentamente.🧀🍸 Quale abbinamento di ingredienti migliore se non quello studiato dalla Chef Antonella...

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

“Ma quando è scaduto lo posso ancora mangiare?” La risposta breve è sì – a meno di rigonfiamenti del vasetto o altre alterazioni evidenti. Per capire il perché, iniziamo da cosa significa, per uno yogurt, arrivare a “scadenza”. Cosa viene valutato per definire la data...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop