Inalpi è entrato nel mondo dello yogurt biologico

Filiera, Non categorizzato

Da diversi mesi, Inalpi è produttore di yogurt biologico a Varese Ligure in Alta Val di Vara, il  primo comune biologico italiano.

Una storia bellissima quella di Varese Ligure, che nel 1990 decide di cambiare il proprio destino, dovuto allo spopolamento del proprio territorio, che è secondo solo a Genova per estensione ed è costituito dall’80% da ambiente boschivo e posizionato alle spalle dello splendido mare delle Cinque Terre.

Un sindaco coraggioso, Maurizio Carenza, intraprende una svolta “green”, convertendo in biologico tutte le realtà produttive del comune, che lo porta a essere riconosciuto nel 1999 come il primo paese interamente biologico d’Europa.

Una scelta importante e coerente con la filosofia aziendale di Inalpi che da sempre opera nel territorio in cui quotidianamente lavora e a sostegno delle comunità che in esse vivono.

Il nostro latte biologico di filiera garantita e controllata, entra nella produzione dello yogurt a Varese Ligure e propone la ricetta tradizionale, che prevede di concentrare per evaporazione il latte e una successiva fermentazione con l’esclusiva aggiunta di fermenti lattici e nessun additivo.

Questa è la ricetta che abbiamo scelto per valorizzare il nostro latte, ma ci sono diversi processi di produzione che prevedono l’uso del latte concentrato (crema semisolida) a cui si aggiungono direttamente i fermenti, oppure l’aggiunta di proteine del latte (addensanti) a un latte fresco che ne risulta scarso.

Se guardiamo invece al passato di questo alimento ormai diffuso nella vita quotidiana, scopriamo che le origini sono molto antiche e incerte, ma molto probabilmente fu una scoperta casuale, poiché il latte lasciato a contatto con gli otri di contenimento ricavati dalla pelle o dallo stomaco degli animali stessi da cui veniva munto, si ritrovava a contatto con particolari tipi di fermenti e con l’azione del tepore, si tramutava naturalmente in yogurt e poteva essere conservato per maggior tempo.

La nostra scelta odierna ha  come obiettivo la qualità, ed è dedicata anche a chi risulta intollerante al lattosio, che nello yogurt è assente, ma mantenendo al massimo le qualità nutritive del latte fresco.

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

Abbiamo incontrato Marco Sarvia per fare qualche domanda e parlare degli allevatori che lavorano ogni giorno nella filiera corta e certificata del latte. Marco rappresenta la seconda generazione nella sua famiglia che ha scelto la professione di allevatore...

Yogurt normale, greco o kefir?

Yogurt normale, greco o kefir?

Tra gli scaffali dei supermercati gli yogurt abbondano per varietà e sapori, cosicché spesso potremmo chiederci "Qual è il miglior tipo di yogurt?". Ciascuno di noi ha, in effetti, l'imbarazzo della scelta. Li selezionate per gusto? Per consistenza? Fate sicuramente...

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop