LA FILIERA INALPI – COMPRAL LATTE SI RACCONTA

12 Dicembre 2023 | Comunicati stampa

Da una pubblicazione, nasce un momento di incontro e confronto. “La nostra filiera si racconta” è infatti il titolo del volume presentato oggi, martedì 12 dicembre, presso il Salone polifunzionale di Cascina San Giovanni Moretta (CN), durante un incontro – moderato dal giornalista Beppe Gandolfo – che ha coinvolto i vertici di Compral Latte e Inalpi, Intesa-Sanpaolo e DeLaval.

La mattinata si è aperta con i saluti del sindaco di Moretta, Gianni Gatti, seguito da Bruno Rivarossa – direttore Piemonte Coldiretti – che ha ricordato i momenti della nascita della filiera come esperienza unica e straordinaria a livello nazionale. Il momento dei saluti è stato poi concluso da Bruno Mecca Cici Coldiretti che ha ricordato come il progetto filiera abbia come punto di partenza le aziende agricole.

L’incontro è entrato nel vivo con l’intervento di Bartolomeo Bovetti (Compral) che ha ripercorso i passaggi principali che hanno portato alla realizzazione del libro e gli obiettivi del progetto. “Una storia inizia sempre con c’era una volta, ma io vorrei iniziare il racconto di questa storia con c’è oggi una filiera. La realizzazione di questo volume, per il quale ci siamo affidati ad una professionista, Beatrice Mautino divulgatrice scientifica, vuole raccontare la nostra storia ai consumatori, per dare loro elementi reali su cui valutare i prodotti. Far conoscere il sistema che sta intorno alla filiera, i singoli passaggi, un racconto semplice di quello che avviene dietro le quinte da cui nascono i nostri prodotti.” – ha raccontato Bovetti.

La mattinata è poi proseguita con una tavola rotonda alla quale hanno preso parte
Raffaele Tortalla – Presidente Compral Latte, Ambrogio Invernizzi – Presidente Inalpi SpA, Marcello Pellegrino – Direttore Compral Latte.
Tortalla ha fatto il punto sull’annata che si sta concludendo: “Il 2023 è stato un anno positivo, ma quello che mi preme sottolineare è come, in tutti questi oltre 10 anni, abbiamo sempre avuto la capacità di collaborare in uno scambio reciproco tra il nostro mondo dei conferitori e quello dell’industria rappresentato da Inalpi. Ci siamo vicendevolmente sostenuti nei momenti più complessi sapendo che far crescere questo progetto di filiera vuol anche dire costruire il nostro futuro e quello di tutte le nostre aziende, un progetto che ci invidia. E se devo guardare al 2024 so che dovremo lavorare molto, dobbiamo crescere nella raccolta della materia prima perché grazie agli investimenti che Inalpi sta facendo la richiesta è in continua crescita”.

Il presidente Invernizzi ha invece sottolineato come il concetto di filiera sia termine estremamente utilizzato ma poco realizzato nella pratica. “Fare filiera ha un significato specifico, vuol ad esempio dire, e credo che questo sia il grande merito di questo nostro sistema, eliminare il conflitto. Noi lo abbiamo fatto attraverso l’indicizzazione del prezzo del latte pagato alla stalla, attraverso il coinvolgimento di un ente terzo (Facoltà di Agraria dell’Università di Piacenza) che ci supporta dandoci quel valore su cui creare le transazioni. E poi abbiamo fatto filiera reale lavorando insieme, lavorando sulla formazione, sul benessere animale, creando un rapporto non di sola successione ma un vero e proprio gruppo di persone che vogliono perseguire una sempre crescente sicurezza, qualità e sostenibilità.

Marcello Pellegrino ha poi puntualizzato un aspetto importante sulle dimensioni della filiera: “La grande strategia della filiera è stata quella di condividere le regole tra la parte agricola, quella industriale e il cliente finale. Questo ha consentito che gli allevatori diventassero i reali protagonisti del progetto. Noi abbiamo la possibilità di rappresentare tutto il territorio piemontese, oggi con maggioranza nel cuneese e torinese, ma grazie a questa filiera anche i territori collinari e montani, possono continuano a vedere vivi i propri allevamenti. Da questo ragionamento è chiaro che parliamo poi anche di dimensioni diverse delle singole aziende che però, nella nostra filiera trovano tutte uguale collocazione, perché mettiamo insieme dimensioni diverse ma con valore paritario che, lavorando bene, producendo latte di valore possono lavorare in modo uguale. Oggi abbiamo Compral Latte ha 260 associati, conferisce 750 tonnellate di latte ogni giorno in Inalpi, rappresentiamo un quarto di tutto il latte movimentato in Piemonte con circa 25.000 vacche da lattazione”.

L’incontro si è poi concluso con l’intervento di altri due attori entrati in tempi più recenti all’interno del sistema, ma che costituiscono oggi un altro mattone nella costruzione della casa filiera latte. Pier Mario Romagnoli – direttore area Agribusiness Piemonte sud e Liguria di Intesa-Sanpaolo – che ha illustrato il progetto e la sua funzione all’interno della filiera e Stefano Nappa – Sales Territory Manager che ha ricordato come DeLaval rappresenti un concreto supporto alla sostenibilità di ogni singola azienda agricola, supportando la crescita della produzione del latte, la conservazione, l’alimentazione e la gestione della mandria.

La filiera corta e controllata si conferma dunque non solo sistema virtuoso, ma anche sistema in crescita, che ha numerosi obiettivi per un futuro molto prossimo con occhio attento ad una crescita che sia sinonimo di sostenibilità ambientale, ma anche sociale ed economica. Una sostenibilità reale.

Condividi
0
    0
    Your shopping cart
    The cart is emptyGo back to the shop