Condividi

La relazione tra Compral Latte e Inalpi: dal latte appena munto al prodotto finito

Non categorizzato

La relazione tra Compral Latte e Inalpi, i protagonisti della Filiera del Latte Piemontese, garantita e controllata, continua a crescere in termini di qualità. Esattamente come per le relazioni umane, grazie all’impegno, alla condivisione di intenti, ai momenti d’incontro e al rispetto reciproco, si possono raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi.

Grazie a un passaggio generazionale, oggi i conferitori sono sempre più numerosi e sempre più giovani, aumenta quindi lo spirito innovativo e l’ambizione a migliorare secondo i parametri prefissati dal protocollo tecnico di filiera, che garantisce la qualità sempre maggiore del latte, ma anche la presenza sul mercato e sul territorio.
Un rinnovato tessuto sociale che investe il proprio tempo nella formazione, con la partecipazione ai corsi d’aggiornamento organizzati da Compral Latte e da Inalpi su molti temi, come la sicurezza, la qualità, la mungitura e la sostenibilità ambientale.

Il latte appena munto nelle stalle di ogni conferitore, che arriva nelle cisterne in azienda, viene analizzato dai laboratori di InLab per poi entrare direttamente in produzione. 

Il tutto appare semplice, ma i tempi che viviamo sono complessi e dietro queste azioni ci sono decisioni e obiettivi che coinvolgono l’intero territorio. “Territorio” è la prima parola da sottolineare, perché contiene la parola “terra” e le mucche si nutrono di foraggio, che in molti casi viene coltivato direttamente dai conferitori nelle loro aziende agricole. 

Nella valutazione annuale di ogni azienda conferitrice c’è il controllo della salubrità dei terreni, se vengono trattati con elementi naturali, o l’irrigazione che dev’essere fatta con un’ottica di risparmio, ancor più oggi con l’urgenza del cambiamento climatico.
C’è poi il tema dell’energia usata per l’allevamento, che deve ridursi o essere generata, almeno in parte, da impianti fotovoltaici. Si segue con il benessere animale, altro fattore importante per ottenere un buon latte, ma anche l’aspetto sociale che riguarda i lavoratori all’interno dell’azienda, grazie ai giusti contratti e le migliori condizioni di lavoro.

L’ottima notizia è che i “voti” dati ai conferitori, sono sempre in crescita per ogni parametro  e quindi oltre al giusto prezzo del latte che viene stabilito dall’indice, c’è un’altra variabile economica che premia in modo proporzionale, man mano che si ottengono risultati sempre più soddisfacenti.

L’obiettivo di tutta la filiera è non sprecare latte e ovviamente usarlo al meglio, quindi è poi Inalpi che trasforma il latte in prodotti che potranno così essere buoni, giusti e sicuri!

La relazione tra Compral Latte e Inalpi, i protagonisti della Filiera del Latte Piemontese, garantita e controllata, continua a crescere in termini di qualità. Esattamente come per le relazioni umane, grazie all’impegno, alla condivisione di intenti, ai momenti d’incontro e al rispetto reciproco, si possono raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi.

Grazie a un passaggio generazionale, oggi i conferitori sono sempre più numerosi e sempre più giovani, aumenta quindi lo spirito innovativo e l’ambizione a migliorare secondo i parametri prefissati dal protocollo tecnico di filiera, che garantisce la qualità sempre maggiore del latte, ma anche la presenza sul mercato e sul territorio.
Un rinnovato tessuto sociale che investe il proprio tempo nella formazione, con la partecipazione ai corsi d’aggiornamento organizzati da Compral Latte e da Inalpi su molti temi, come la sicurezza, la qualità, la mungitura e la sostenibilità ambientale.

Il latte appena munto nelle stalle di ogni conferitore, che arriva nelle cisterne in azienda, viene analizzato dai laboratori di InLab per poi entrare direttamente in produzione. 

Il tutto appare semplice, ma i tempi che viviamo sono complessi e dietro queste azioni ci sono decisioni e obiettivi che coinvolgono l’intero territorio. “Territorio” è la prima parola da sottolineare, perché contiene la parola “terra” e le mucche si nutrono di foraggio, che in molti casi viene coltivato direttamente dai conferitori nelle loro aziende agricole. 

Nella valutazione annuale di ogni azienda conferitrice c’è il controllo della salubrità dei terreni, se vengono trattati con elementi naturali, o l’irrigazione che dev’essere fatta con un’ottica di risparmio, ancor più oggi con l’urgenza del cambiamento climatico.
C’è poi il tema dell’energia usata per l’allevamento, che deve ridursi o essere generata, almeno in parte, da impianti fotovoltaici. Si segue con il benessere animale, altro fattore importante per ottenere un buon latte, ma anche l’aspetto sociale che riguarda i lavoratori all’interno dell’azienda, grazie ai giusti contratti e le migliori condizioni di lavoro.

L’ottima notizia è che i “voti” dati ai conferitori, sono sempre in crescita per ogni parametro  e quindi oltre al giusto prezzo del latte che viene stabilito dall’indice, c’è un’altra variabile economica che premia in modo proporzionale, man mano che si ottengono risultati sempre più soddisfacenti.

L’obiettivo di tutta la filiera è non sprecare latte e ovviamente usarlo al meglio, quindi è poi Inalpi che trasforma il latte in prodotti che potranno così essere buoni, giusti e sicuri!

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

Abbiamo incontrato Marco Sarvia per fare qualche domanda e parlare degli allevatori che lavorano ogni giorno nella filiera corta e certificata del latte. Marco rappresenta la seconda generazione nella sua famiglia che ha scelto la professione di allevatore...

Yogurt normale, greco o kefir?

Yogurt normale, greco o kefir?

Tra gli scaffali dei supermercati gli yogurt abbondano per varietà e sapori, cosicché spesso potremmo chiederci "Qual è il miglior tipo di yogurt?". Ciascuno di noi ha, in effetti, l'imbarazzo della scelta. Li selezionate per gusto? Per consistenza? Fate sicuramente...

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop