Latte pastorizzato o UHT? Un confronto sui punti di forza

Nutrizione

Dipende solo da cosa ci interessa di più. Scegliere se bere latte fresco pastorizzato o UHT, intendo.

Perché dal punto di vista nutrizionale non c’è differenza. Nutrono entrambi, e allo stesso modo. C’è qualche minima differenza perché il latte UHT viene scaldato a temperature maggiori? Sì, c’è, ma è davvero ininfluente. Nel quadro della nostra alimentazione complessiva, quella minima differenza si perde come una goccia nel mare. Anche le procedure di sterilizzazione UHT sono infatti, oggi, estremamente rispettose del valore nutrizionale del latte crudo di partenza.

E allora cosa cambia?

Beh, rispetto al latte crudo, quello pastorizzato – che troviamo nel banco frigo – e quello UHT hanno un vantaggio enorme, quello della sicurezza alimentare. Il latte, infatti, è molto nutriente non solo per noi, ma anche per i microrganismi, e in quello crudo hanno modo di proliferare. E, nonostante la stragrande maggioranza di loro non sia assolutamente nociva, c’è la possibilità che, tra i tanti microrganismi, ve ne siano presenti alcuni che alterano il latte, rovinandolo, oppure altri che possono portare infezioni alimentari, come ad esempio Escherichia coli, Listeria o Salmonella. La pastorizzazione e la sterilizzazione UHT sono procedure che, come prima cosa, intervengono su questo aspetto e che rendono il latte un alimento sicuro per quanto riguarda l’igiene alimentare.

E tra di loro? Cosa cambia tra latte pastorizzato e UHT?

Due cose, fondamentalmente, che posso interessarci di più o di meno. Si tratta di differenze “pratiche”, legate al loro utilizzo e, quindi, in ultima analisi, unicamente alle nostre preferenze. 

Il primo dei due aspetti è il gusto: se ci interessa particolarmente che il gusto sia il più aderente possibile a quello del latte crudo, allora a vincere sarà il latte pastorizzato. Ma solo se intendiamo berlo così com’è: se lo vogliamo utilizzare ad esempio in una torta, chiaramente quella differenza viene persa e la scelta tra pastorizzato e UHT diventa indifferente. Il latte UHT, per quanto riguarda il gusto, ha una nota che a molti sembra ricordare maggiormente il latte cotto. Anche questo aspetto si è comunque mitigato nel tempo: gli avanzamenti tecnologici nel processo UHT ha permesso di contenere molto, rispetto a decenni fa, il cambiamento a livello gustativo.

Il secondo aspetto è invece la conservabilità: il latte pastorizzato deve essere mantenuto costantemente a basse temperature e conservato in frigorifero, dove scade comunque nel giro di pochi giorni. Il latte UHT, invece, può essere comodamente conservato a temperatura ambiente per diversi mesi, l’ideale – ad esempio – per chi preferisce averne sempre una scorta. Ma attenzione: appena lo apriamo, anche il latte UHT va posto in frigorifero, e – proprio come quello pastorizzato – consumato nel giro di pochi giorni.

Il fatto che possa essere trasportato e immagazzinato a temperatura ambiente, anziché costantemente a basse temperature, riduce inoltre il costo del latte UHT rispetto a quello del latte fresco pastorizzato. E anche questo, naturalmente, può avere il suo peso.

In entrambi i casi, infine, facciamo attenzione a conservarlo adeguatamente una volta aperto: l’efficacia della pastorizzazione e del trattamento UHT sulla sicurezza alimentare, infatti, è garantita finché la confezione resta chiusa. Da lì in poi, diventa compito nostro. 

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

L’aperitivo diventa wow con i nostri Happy Cheerse, gustosi triangolini di formaggio al tartufo, erbe mediterranee, Gorgonzola e pepe nero, da gustare e assaporare lentamente.🧀🍸 Quale abbinamento di ingredienti migliore se non quello studiato dalla Chef Antonella...

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

“Ma quando è scaduto lo posso ancora mangiare?” La risposta breve è sì – a meno di rigonfiamenti del vasetto o altre alterazioni evidenti. Per capire il perché, iniziamo da cosa significa, per uno yogurt, arrivare a “scadenza”. Cosa viene valutato per definire la data...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop