Le merende di mamma e papà

Storie di latte

Come venivano fatte le merende ai tempi dei nostri nonni o dei nostri genitori? Un percorso a ritroso per ricordarci le merende di una volta.

Quali erano le merende di mamma e papà o addirittura quelle dei nostri nonni?

Di certo un tempo non c’erano merendine e delizie disponibili per ogni occasione e, la merenda veniva preparata con ciò che c’era disponibile in casa.

Pane, burro, olio, zucchero e poco altro: questi gli ingredienti di base sempre disponibili nella dispensa e, a volte, non c’era altro che questo per spezzare la fame del pomeriggio.

Quali erano quindi le merende più diffuse?

Pane e burro:

E’ la merenda tradizionale per eccellenza. A volte il pane, oltre al burro, veniva arricchito con un po’ di zucchero, altre volte con del miele o, per i più fortunati, con marmellata o addirittura del cioccolato in stecca.

Pane e olio:

Se in gran parte dei paesi del Nord Italia la merenda era fatta con pane e burro, il corrispettivo per le regioni mediterranee era pane e olio.

Il pane poteva essere fresco o tostato e arricchito con un po’ di aglio strofinato, un pizzico di sale oppure qualche spezia come una bella spolverata di origano.

Risolatte:

Riso, latte e zucchero: solo tre ingredienti per una merenda calda e corroborante che riusciva a rinfrancare i pomeriggi invernali. Per un tocco in più si poteva aggiungere un pizzico di cannella alla fine o una bacca di vaniglia che, cuocendo insieme al latte e al riso, profumava tutta la casa.

Pane con frutta e verdura:

In estate, quando l’orto è ricco e gli alberi offrono tanti frutti, anche la merenda si arricchiva con sapori nuovi.

Avete mai visto i vostri nonni mangiare la frutta con il pane?

Una abitudine ormai persa nel tempo che rifocillava nei pomeriggi estivi. Tuttavia, se consumare il pane con la frutta non è più diffuso, rimane ancora vivo il rito di accompagnare il pane con i pomodori, magari strofinati direttamente sulla fetta abbrustolita.

Uovo sbattuto o zabaione:

Un uovo, un po’ di zucchero e qualche cucchiaio di marsala sbattuti insieme rapidamente fino a diventare una crema spumosa e la merenda energizzante era pronta. Una merenda che sa di passato e che veniva usata a volte come vero rimedio per recuperare le energie perse durante la giornata.

E voi, che ricordo avete della vostra merenda o di quella dei vostri nonni?

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

L’aperitivo diventa wow con i nostri Happy Cheerse, gustosi triangolini di formaggio al tartufo, erbe mediterranee, Gorgonzola e pepe nero, da gustare e assaporare lentamente.🧀🍸 Quale abbinamento di ingredienti migliore se non quello studiato dalla Chef Antonella...

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

“Ma quando è scaduto lo posso ancora mangiare?” La risposta breve è sì – a meno di rigonfiamenti del vasetto o altre alterazioni evidenti. Per capire il perché, iniziamo da cosa significa, per uno yogurt, arrivare a “scadenza”. Cosa viene valutato per definire la data...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop