Menù di Natale: la tradizione e qualche idea speciale

Ricette del blog

Un menù di Natale ispirato alla tradizione piemontese, ma con un finale davvero speciale. Scopri le nostre idee per un menù dal gusto unico.

 

Avete già deciso cosa preparare per il menù di Natale?

Per renderlo speciale non servono per forza fuochi d’artificio, ma seguendo la tradizione e aggiungendo un pizzico di fantasia si può creare un menù d’effetto che metta d’accordo proprio tutti.

 

Noi vi proponiamo un menù tradizionale, seguendo le ricette piemontesi, a cui abbiamo un twist speciale con pochi semplici gesti.

 

Menù di Natale

 

Antipasto

Tortino di polenta con fonduta reale: il tortino di polenta si prepara in modo semplice e, soprattutto, può essere realizzato in anticipo. Per renderlo speciale basta aggiungere un cucchiaio di cremosa fonduta reale. Vi basterà scaldarla e versarla sul tortino: una soluzione facile, veloce e d’effetto.

 

Primo piatto

Ravioli del plin al burro e salvia: per il primo e il secondo piatto abbiamo scelto la tradizione con un piatto di ravioli del plin fatti a mano come tradizione vuole. Per renderli speciali vi basterà creare una perfetta e vellutata crema di burro che avvolga la pasta con gusto ed eleganza.

 

ravioli del plin

Secondo piatto

Brasato al barolo: anche in questo caso ci affidiamo alla tradizione piemontese con un brasato al barolo che, oltre a essere buonissimo, riempirà la casa di un profumo speciale. Per renderlo davvero perfetto aggiungi una noce di burro al fondo di barolo pochi minuti prima di servirlo. Renderà la consistenza più cremosa e il gusto più delicato.

 

E per dessert?

Basta una fetta di panettone, ma se volete un dessert d’effetto potete scegliere di utilizzare i dolci della tradizione per preparare qualcosa di davvero speciale.

 

Un esempio è la Torta pandoro: prepararla è facilissimo e vi basterà un pizzico di fantasia e una golosa crema al mascarpone per creare un dolce scenografico da portare in tavola.

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

L’aperitivo diventa wow con i nostri Happy Cheerse, gustosi triangolini di formaggio al tartufo, erbe mediterranee, Gorgonzola e pepe nero, da gustare e assaporare lentamente.🧀🍸 Quale abbinamento di ingredienti migliore se non quello studiato dalla Chef Antonella...

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

“Ma quando è scaduto lo posso ancora mangiare?” La risposta breve è sì – a meno di rigonfiamenti del vasetto o altre alterazioni evidenti. Per capire il perché, iniziamo da cosa significa, per uno yogurt, arrivare a “scadenza”. Cosa viene valutato per definire la data...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop