Quando le mucche fanno muuu…e l’allevamento diventa etico

Filiera

C’è un vecchio detto che recita: “una mucca felice produce meglio e di più”. E’ universalmente riconosciuto, infatti, che il benessere degli animali influenza lo stato sanitario nonché le prestazioni produttive in termini qualitativi e quantitativi. In parole povere, da animali felici derivano prodotti migliori.

Questa è la filosofia dei circa 400 allevatori piemontesi di Compral Latte, situati tra le province di Cuneo e Torino che fanno parte della filiera Inalpi.

La vicinanza geografica e il benessere degli animali contribuiscono in maniera importante a ridurre gli sprechi e diminuire le emissione di CO2, favorendo le comunità locali.

Entrare a far parte di questa filiera Inalpi, però, non è cosa semplice. L’azienda agricola che aderisce al capitolato, infatti, deve essere dapprima autorizzata dal servizio veterinario, registrata nella banca dati nazionale, identificata mediante codice aziendale secondo la normativa vigente ed operare nel pieno rispetto delle normative di riferimento.

INALPI_0064Successivamente tutti gli animali in allevamento devono essere identificati (mediante marche auricolari). Vengono poi registrati in accordo alle normative vigente e l’allevatore ha l’obbligo di tenere aggiornato il registro di carico/scarico.

Come detto sopra, negli allevamenti Inalpi assume grande rilevanza il benessere dell’animale secondo parametri ben precisi: circolazione dell’aria, quantità di polvere, temperatura, spazi adeguati, acqua in quantità sufficiente, stabulazione adeguata, lettiera di buona qualità e pulita, gestione ed accudimento dei vitelli.

La qualità e l’origine di acqua e alimenti, sono determinanti sia per la salute che per la produttività degli animali e, di conseguenza, per la qualità e la sicurezza del latte.

Le razioni di cibo sono suddivise in modo da fornire un’alimentazione adatta all’età dell’animale. Anche i mangimi vengono controllati in materia scrupolosa per evitare la presenza di micotossine (muffe cancerogene) e altri agenti dannosi per l’animale.

Il benessere degli animali è quindi, per Inalpi, un principio fondamentale di produzione e di eticità, che non può mai slegarsi dal ciclo produttivo.

Articolo e fotografie di Alessandro Zaccaro

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

A TU PER TU CON LA FILIERA: MARCO SARVIA

Abbiamo incontrato Marco Sarvia per fare qualche domanda e parlare degli allevatori che lavorano ogni giorno nella filiera corta e certificata del latte. Marco rappresenta la seconda generazione nella sua famiglia che ha scelto la professione di allevatore...

Yogurt normale, greco o kefir?

Yogurt normale, greco o kefir?

Tra gli scaffali dei supermercati gli yogurt abbondano per varietà e sapori, cosicché spesso potremmo chiederci "Qual è il miglior tipo di yogurt?". Ciascuno di noi ha, in effetti, l'imbarazzo della scelta. Li selezionate per gusto? Per consistenza? Fate sicuramente...

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop