Quanto metto nel piatto dei miei figli?

23 Settembre 2019 | Nutrizione

La Dott.ssa Antonella Losa, Biologa Nutrizionista, ci spiega come fare per regolare in modo corretto le porzioni di tutta la famiglia quando la pietanza pronta arriva in tavola e non si ha più la possibilità di utilizzare la bilancia.

 

famiglia in cucina

Il profumo dello zafferano riempie la cucina e arriva in sala da pranzo. Si sono già tutti messi a tavola: Marta, reduce dalla sua prima verifica alle medie; Luca, oggi alle prese con le tabelline; e infine Fabio, che tenta di scucire ai figli qualche dettaglio in più della loro giornata.

Il risotto è pronto, i piatti anche: ma quanto mettere in ognuno?

Una domanda che parte in realtà un po’ prima, quando prendiamo il riso dalla dispensa per pesarlo.

Sugli alimenti a crudo, ci vengono infatti in aiuto le porzioni standard, da calibrare poi in modo adeguato per tutta la famiglia.

Cosa sono le porzioni standard? Sono porzioni dei vari tipi di alimenti riferite a un fabbisogno calorico di 2.000 kcal al giorno. Possiamo assumere che questo sia approssimativamente il fabbisogno di una donna adulta di peso e statura medi, divisa tra un lavoro magari un po’ sedentario e la gestione – insieme al consorte – di casa e famiglia.

Per quanto riguarda i figli – consideriamo anche in questo caso una corporatura normale – essi iniziano le elementari con fabbisogni di circa un 20-25% inferiori, che crescono tuttavia rapidamente di anno in anno fino a uguagliare quelli della madre intorno ai 9-10 anni di età (valori corrispondenti a un livello di attività fisico medio).

Ciò significa che i ragazzi delle medie hanno fabbisogni già maggiori rispetto alle madri: per le femmine si va circa da un +10% all’inizio a un +20% alla fine dei tre anni, mentre per i maschi si parte da un +20% al primo anno fino a un +35% al terzo, sempre ipotizzando che l’abitudine al movimento non cali in questa fase, come purtroppo spesso avviene.

Gli uomini adulti di corporatura media e con un livello di attività fisica limitata consumano all’incirca 2400 – 2500 kcal al giorno, e richiedono quindi anch’essi porzioni del 20-25% superiori a quelli della compagna.

Tornando al nostro risotto, quindi, le quantità di riso da mettere a cuocere per la famiglia sono indicativamente 80 g per Anna (porzione standard), 100 g per Fabio, 90 per Marta e 70 per Luca, per un totale di 340 g.

A cottura ultimata naturalmente non si può usare più la bilancia, e bisognerà quindi ricordarsi le proporzioni tra i diversi piatti: se la mestolata di Anna viene presa come riferimento, allora quella di Luca sarà leggermente più piccola e quella di Marta leggermente più abbondante. Il resto della pentola, con suo grande piacere, andrà infine tutto a Fabio.

 

Naturalmente, tutti i valori riportati aumentano – in maniera anche consistente – per stili di vita più attivi: se vogliamo mangiare di più, allora muoviamoci di più!

 

Se volete conoscere le porzioni standard degli altri cibi, riportiamo qui sotto quelle degli alimenti più comuni, considerati a crudo e al netto degli scarti:

Pane: 50 g (un panino piccolo, mezzo francesino, una fetta di filone)

Sostituti del pane: 30 g (3-4 fette biscottate, un pacchetto di crackers o grissini)

Pasta, riso, farro, orzo, cous cous, semolino: 80 g

Pasta fresca: 100 g

Ravioli: 125 g

Biscotti e cereali per la colazione: 30 g (2-5 biscotti a seconda dei tipi; 3-8 cucchiai di cereali a seconda dei tipi)

Patate: 200 g (una patata media)

Insalata: 80 g

Altri ortaggi: 200 g (circa mezzo piatto)

Frutta fresca: 150 g (una mela medio-piccola, 2-3 albicocche)

Frutta secca: 30 g (7-8 noci, 15-20 mandorle/nocciole)

Latte e yogurt: 125 g (un bicchiere piccolo; un vasetto)

Formaggi freschi: 100 g (meno di una mozzarella “standard”)

Formaggi stagionati e semistagionati: 50 g

Carni fresche o surgelate: 100 g (un hamburger piccolo o una bistecca di spessore contenuto grande come una mano)

Affettati e salumi: 50 g

Pesce, molluschi, crostacei freschi o surgelati: 150 g (il filetto di un’orata medio-piccola)

Pesce in scatola o affumicato (tonno, salmone): 50 g

Uova: 1 uovo

Legumi freschi o in scatola: 150 g

Legumi secchi: 50 g (valido anche per le farine di legumi)

Tofu, tempeh: 100 g

 

 

Articolo della Dott.ssa Antonella Losa, Biologa Nutrizionista.

 

Nota: i fabbisogni calorici riportati nell’articolo sono approssimazioni orientative: il fabbisogno effettivo di ognuno di noi va valutato insieme a un medico o a una figura professionale con preparazione specifica come un dietologo, un biologo nutrizionista o un dietista.

Riferimenti bibliografici: LARN – Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana. IV Revisione. SINU, Società Italiana di Nutrizione Umana – Ed. SICS, 2014.

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

Regioni d’Italia: chi vince su latte e formaggio?

Regioni d’Italia: chi vince su latte e formaggio?

Alzi la mano chi beve latte tutti i giorni! Nell’ultima rilevazione Istat, nel 2022, lo hanno fatto 47 italiani su 100, in linea con l’anno precedente. Se guardiamo le risposte nelle varie regioni, il dato che balza all’occhio è che questa abitudine è sentita...

PASTELITOS CUBANI

PASTELITOS CUBANI

Ingredienti e dosi per 4 persone: 2 rettangoli di pasta sfoglia 100 g (8 cucchiaini) di marmellata di fragole 7 formaggini di latte Latterie Inalpi zucchero di canna q.b. 1 uovo 1 cucchiaino di acqua Guarda la video-ricetta e segui il procedimento descritto qui sotto....

Latte di mucca, di capra o di pecora?

Latte di mucca, di capra o di pecora?

Avete notato anche voi? Da un po’ di tempo, il latte di mucca non è più solo nel banco frigo dei supermercati: ha trovato compagnia in almeno un paio di altri latti oggi abbastanza diffusi, quello di capra e quello di pecora. La differenza che più balza all’occhio –...

0
    0
    Your shopping cart
    The cart is emptyGo back to the shop