Come nasce una fettina? Dal latte alla tavola.

Fettine, Prodotti, Ricette del blog

Come nasce una fettina Inalpi? Niente di più semplice, nasce dal latte. Spesso si pensa che le fettine di formaggio siano un prodotto meno nobile rispetto agli altri formaggi. In realtà non si tratta di materie prime meno nobili o di secondo livello. Come tutti i formaggi Inalpi, anche le fettine nascono dal latte. Latte che proviene dalla filiera Inalpi: il latte crudo viene infatti raccolto dagli allevamenti della filiera, situati tutti nella zona del Piemonte e che rispettano un protocollo molto rigido che permette che la qualità del prodotto venga garantita dalla prima all’ultima fase. Non si parte dal latte ma si parte dalle mucche, dal loro benessere e dalla loro alimentazione.

 

Perché le fettine di latte non hanno conservanti

Vediamo come nasce una fettina: gli ingredienti sono solamente latte e panna che vengono miscelati e poi fusi.  Il formaggio -per 100 g di fettine si usano 140 g di latte- viene messo in un film alimentare e poi viene passato in acqua molto fredda e questo shock termico permette che non ci siano conservanti e che il prodotto posso essere conservato a lungo. Le fettine sono ricche di latte e povere di grassi.

inalpi-fettine-1

Gli usi in cucina delle fettine di formaggio sono molteplici. Partiamo dal presupposto che le fettine di formaggio sono molto comode e quindi via libera and un utilizzo super facile, come la preparazione di toast e sandwich. Le fettine Inalpi rimangono cremose anche una volta scaldate e quindi danno a toast e sandwich una perfetta cremosità. Come svela però la foto in apertura, le fettine possono essere usate anche per ricette un po’ più elaborate.

Lasagnette con verdure e crema di fettine di latte

Ingredienti:

12 fogli di pasta fresca già tirata

2 zucchine

2 carote

1 scalogno

4 fettine di latte

2 bicchieri di latte

una noce di burro

olio evo

sale

pepe

Pulite la verdura e tagliatela a dadini. Fate scaldare un grosso tegame antiaderente e rosolatevi lo scalogno tritato. Aggiungete carote e zucchine e fate cuocere per una decina di minuti a fuoco vivace. regolate di sale e pepe.

Preparate la crema di fettine di latte: Fate scaldare il latte con il burro ed aggiungete le fettine di latte a pezzetti, una volta spento il fuoco. Mescolate bene in modo che si amalgami bene il tutto.

Fate lessare i fogli di pasta fresca e ricavate da ognuno 2 cerchi (oppure tagliate ogni foglio in due per non avere scarti). Disponete il primo cerchio sul piatto, cospargete con la verdura ed un cucchiaino di crema di fettine. Fate altri due strati e servite.

lasagnetta-verdure-crema-fettine-1

La stessa crema di fettine di latte può essere servita sopra un risotto all verdure oppure si può usare anche come base da mettere sul pane tostato, dove appoggiare dei tocchetti di salsiccia rosolata.

Come nasce una fettina ora lo sappiamo, ma soprattutto sappiamo che può essere un ingrediente perfetto per moltissime ricette, anche le più speciali.

 

Condividi

Cerca articoli

Categorie del blog

Articoli recenti

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

I volti della Filiera Inalpi: Walter Borretta

Da questo mese, inauguriamo una serie di interviste dedicate ai volti dietro i prodotti Inalpi. Oggi vi presentiamo Walter Borretta, un pilastro della nostra filiera e titolare di un'azienda agricola che collabora con noi da anni. Walter ci offre uno sguardo autentico...

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Sticky Rice: il dessert dalla Tailandia

Avete voglia di proiettarvi in un viaggio in oriente in nostra compagnia? Con la ricetta di questo mese voliamo in Tailandia e degustiamo un tipico dessert. Fresco e dalle dolci note della frutta tropicale che lo compongono, il khao niao mamuang o sticky rice,...

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

Il nostro aperitivo wow? Quello con Happy Cheerse!

L’aperitivo diventa wow con i nostri Happy Cheerse, gustosi triangolini di formaggio al tartufo, erbe mediterranee, Gorgonzola e pepe nero, da gustare e assaporare lentamente.🧀🍸 Quale abbinamento di ingredienti migliore se non quello studiato dalla Chef Antonella...

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

Yogurt “scaduto”? Niente è perduto!

“Ma quando è scaduto lo posso ancora mangiare?” La risposta breve è sì – a meno di rigonfiamenti del vasetto o altre alterazioni evidenti. Per capire il perché, iniziamo da cosa significa, per uno yogurt, arrivare a “scadenza”. Cosa viene valutato per definire la data...

0
    0
    Il tuo carrello degli acquisti
    Il carrello è vuotoTorna allo Shop